Home Edizione 2006 Contatti Link Mappa


 
icona  La mostra ha ricevuto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica

I Bronzi dorati da Cartoceto di Pergola, scelti per l’alto valore culturale e di rappresentanza, saranno gli ambasciatori delle Marche in occasione della festa della regione che si celebrerà in Canada.

rutelli.jpgCome annunciato dal Ministro Rutelli, sarà l’occasione per far conoscere le Marche attraverso uno dei pochissimi grandi complessi scultorei equestri dell'antichità giunti fino a noi. Montréal, che ospitò con gran successo alcuni anni fa la Mostra dei Bronzi di Riace, si prepara così con entusiasmo ad accogliere un altro importante evento culturale, capace di far conoscere e promuovere le Marche attraverso i suoi capolavori storico-artistici.

La mostra, visitabile fino al 2 dicembre 2007, ha ottenuto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana. E’ organizzata dalla Regione Marche, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Soprintendenza per i Beni Archeologici delle Marche, Provincia di Pesaro e Urbino, Comune di Pergola, società “Picchio International” e “Domodimonti”, con la collaborazione di Associazione Regionale dei Marchigiani A.L.M.A. Canada Inc., Associazione “La Famiglia Marchigiana Canada”, il Musée del Beaux Arts de Montréal e la città di Montréal.

Sarà l’occasione per far conoscere le Marche attraverso uno dei pochissimi grandi complessi scultorei equestri dell’antichità giunti fino a noi. “La decisione di presentare a Montréal il gruppo bronzeo originale – dichiara il presidente della Regione Marche, Gian Mario Spacca – è non soltanto una scelta valida e condivisa sotto il profilo scientifico con le Autorità italiane competenti per la tutela, ma anche di forte valore simbolico. Nella storia dei bronzi e nel loro ritrovamento si riassume in modo esemplare il ‘miracolo’ di questa terra, le Marche, capace di rivelare veri e propri gioielli di arte, cultura, e talenti che si distinguono ovunque per pregio e capacità”.

Un contributo fondamentale nella realizzazione dell’esposizione è stato dato da Francesco Bellini, imprenditore di successo dell’industria farmaceutica del Québec e del Canada, originario di Ascoli Piceno, presidente delle società “Picchio International” e “Domodimonti” e vincitore lo scorso anno del Picchio d’oro, il riconoscimento che, proprio in occasione della Giornata delle Marche, premia un marchigiano illustre che si è saputo distinguere all’estero.

Spacca_Bellini_3.jpg“E’ stato un privilegio per me – afferma Bellini - per mia moglie Marisa, per la nostra famiglia e per l’intero gruppo aziendale che a noi fa capo, sostenere anche finanziariamente gli eventi che da luglio a dicembre collegheranno idealmente l’amata terra marchigiana con la nazione che ci ha accolto, che tante opportunità ci ha offerto e che abbiamo servito con dedizione. A distanza di molti anni è significativo riunirsi e riconoscersi a livello mondiale attraverso la Giornata delle Marche in un’unica grande comunità regionale”.

“Il Musée des Beaux Arts – continua Bellini – il più importante museo non solo della città di Montréal ma dell’intero Canada, saprà valorizzare al meglio la presenza prestigiosa di questi capolavori dell’arte romana, ormai divenuti uno dei segni distintivi della nostra regione. E sono altrettanto convinto che grazie ai Bronzi Dorati moltissimi canadesi conosceranno nel prossimo futuro le Marche”.

“Un’operazione culturale ardita”, come l’ha definita il soprintendente per i Beni Archeologici delle Marche, Giuliano De Marinis, tuttavia, come nelle precedenti presenze in mostre di prestigio internazionale, “questa esposizione – continua De Marinis – vuole soprattutto porre l’attenzione del più vasto pubblico internazionale verso una componente prestigiosa dell’archeologia marchigiana che riassume in un unico gruppo scultoreo la grandezza e la complessità delle vestigia archeologiche di questa regione, facendole conoscere a livello mondiale”.